Come far a meno di Facebook (aspirazione, questa, sempre più condivisa) senza rinunciare al lato informativo offerto dagli aggiornamenti delle “pagine”? Una soluzione c’è: ho pensato di condividerla non perché sia un hack di particolare ingegno, ma in ragione del fatto che non è scontato, per l’utente comune, trovare gli strumenti necessari.

Le pagine pubbliche di Facebook, a onor del vero, sono individualmente visibili anche agli utenti non registrati: basta cercare su Google l’indirizzo di ciascuna. Ciò che manca è la funzione di aggregazione dei nuovi post, propria della “home” di Facebook.

Alla parola “aggregazione” qualcuno tra i più “tecnologicamente smaliziati” avrà pensato: e se le pagine Facebook avessero dei feed pubblici? In tal caso basterebbe un aggregatore per ottenere la funzionalità desiderata.

La risposta è no, le pagine di Facebook non hanno feed. E al contempo è sì, perché con gli opportuni strumenti è possibile generarli ad hoc.

Il servizio FetchRSS (gratuito nella versione base) è infatti in grado di leggere il codice HTML di una pagina Facebook per ricavarne un feed pubblico:

In corrispondenza di ciascun feed, basta far click su “Get ATOM” per ricavare l’indirizzo da inserire sul proprio aggregatore (è possibile anche esportare tutti i feed in una sola volta tramite file OPML).

Mi permetto anche un piccolo consiglio: su piattaforma Android Flym è un ottimo aggregatore e – cosa ormai più unica che rara – è del tutto privo di annunci pubblicitari.